Architettura

Aperto il Messner Mountain Museum Corones in Alto Adige

zaha hadid Messner Muntain Museum

Aperto il Messner Mountain Museum Corones in Alto Adige è stato modificato: 2015-08-13 di Benedetto Fiori

Recentemente completato in Alto Adige il Messner Mountain Museum Corones, disegnato da Zaha Hadid Architects.

Incorporato all’interno della vetta del Monte Plan de Corones, 2.275m sul livello del mare al centro della più popolare località sciistica dell’Alto Adige, il Messner Mountain Museum Corones è circondato dalle cime alpine del Zillertal, dell’Ortles e delle Dolomiti.

Fondato dal famoso scalatore Reinhold Messner, il sesto ed ultimo Messner Mountain Museum esplora la tradizione, la storia e la disciplina dell’alpinismo.

Messner, la prima persona a scalare tutte le 14 montagne di tutto il mondo di più di 8.000 metri e il primo a scalare l’Everest senza l’ausilio di bombole d’ossigeno, racconta la sua visione per il MMM Corones: “Kronplatz offre una vista al di là dei confini dell’Alto Adige per tutti i punti cardinali: dalle Dolomiti di Lienz, a est della Ortler a ovest, dal ghiacciaio della Marmolada a sud delle Alpi dello Zillertal, nel nord. Il museo è uno specchio del mondo della mia infanzia. Il Odle, il contrafforte centrale del Heiligkreuzkofel (la salita più difficile in tutta la mia vita) e i ghiacciai delle montagne granitiche della Valle Aurina “Messner continua,” Sulla Kronplatz presento lo sviluppo dell’alpinismo moderno e 250 anni di progressi per quanto riguarda l’attrezzatura. Parlo di trionfi e tragedie sulle cime più famose del mondo – il Cervino, Cerro Torre, K2, e fare luce sulla all’alpinismo con l’aiuto di reliquie, pensieri, opere d’arte e riflettendo il fondale di montagna al di fuori all’interno di MMM Corones.”

Zaha Hadid, spiega il concept del progetto: “L’idea è che i visitatori possano scendere all’interno della montagna per esplorare le sue caverne e grotte, prima di emergere attraverso la parete della montagna sul lato opposto, sulla terrazza a strapiombo sulla valle ben al di sotto delle spettacolari viste panoramiche “. Nel 2003, la Campana della Pace Concordia 2000 è stata la prima installazione culturale per unire sport e servizi ricreativi al vertice del monte Plan de Corones, che comprendono strutture per deltaplano e parapendio, i Ristoranti Kron e Gipfel, una replica di un insediamento dei nativi americani, così come le stazioni sommitali della funivia Kronplatz 2000 al Riscone / Riscone, la funivia a Valdaora Valdaora, e la funivia Ruis a San Vigilio. Il Museo della Montagna accoglierà i visitatori durante tutto l’anno per esplorare il mondo di Messner in cui l’umanità è arrivato al limite, aggiungendo un ulteriore istituzione culturale ed educativa di Monte Plan de Corones. La visione di Reinhold Messner per un museo interrato in vetta del Monte Plan de Corones ha indicato tre posizioni molto specifiche in cui il museo sarebbe dovuto emergere dal suolo: “La prima, una finestra che affaccia a sud-ovest fino alla vetta del monte Peitlerkofel, la seconda, un’altra finestra che doveva guardare a sud verso la vetta Heiligkreuzkofel, la terza, un balcone doveva essere rivolto a ovest verso l’Ortles e l’Alto Adige.”

Riflettendo i colori più chiari e toni delle cime calcaree frastagliate delle Dolomiti, i pannelli esterni sono formati da una tonalità più chiara di cemento rinforzato con fibra di vetro e piega all’interno del museo per rispondere ai pannelli interni più scuri che hanno la lucentezza e la colorazione antracite trovata in profondità sotto la superficie.

Una serie di scale, come cascate in un ruscello di montagna, attraversano il museo per collegare gli spazi espositivi e definire la circolazione dei visitatori sui tre livelli. Al livello più basso, i visitatori passano le finestre di visualizzazione, e attraverso le gallerie riemergono sulla terrazza che proietta a 6m dalla montagna offrendo un panorama a 240 gradi sulle Alpi. Il museo è disposto su più livelli per ridurre la sua impronta. Durante la costruzione, 4.000 metri cubi di terra e roccia sono stati scavati e poi collocati sopra e intorno alla struttura una volta completata – immergendo il museo all’interno del Monte Plan de Corones e contribuendo a mantenere una temperatura interna più costante. Le ampie vetrate permettono alla luce naturale di penetrare in profondità all’interno del museo, attirando visitatori in avanti attraverso le finestre panoramiche.

Costruito in cemento armato realizzato in-situ, la struttura del museo ha pareti tra 40-50cm, mentre il tetto sostenendo la terra e la roccia che incorpora il museo nella montagna, raggiunge anche 70 cm di spessore. La maggior parte dei pannelli esterni e interni del museo sono fatti di calcestruzzo gettato in opera, con un cassero a superficie conica utilizzato per elaborare i picchi e le spalle dei pannelli esterni. Quasi 400 pannelli interni ed esterni con gli elementi curvi più complessi sono stati prefabbricatiutilizzando stampi scolpiti in schiuma CNC lavorata utilizzando il modello 3D dell’architetto.

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

zaha hadid Messner Muntain Museum

Progetto: Zaha Hadid Architects

You Might Also Like

Rispondi