Architettura

Westway Architects, un edificio tra passato e presente a Milano

Westway Architects viale Montegrappa Milano

Westway Architects, un edificio tra passato e presente a Milano è stato modificato: 2015-11-08 di Benedetto Fiori

Westway Architects fondano la loro idea progettuale sulla considerazione che da sempre l’architettura moderna di Milano si identifica con gli edifici a corte e le case di ringhiera.

É questo il punto di partenza per un originale intervento di ristrutturazione di un fabbricato risalente al 1882, all’epoca destinato ad abitazione popolare in affitto, in viale Montegrappa 16.

Il nuovo complesso residenziale, inserito nella zona tra Porta Garibaldi e Porta Nuova, divenuta il simbolo della Milano contemporanea, sembra ricucire idealmente il passato e il presente.

Doppia anima

Sul perimetro del vecchio edificio demolito, il nuovo condominio, destinato a usi commerciali e residenziali, è risorto garantendo standard di sostenibilità (certificazione energetica CENED in Classe A) e adottando avanzate soluzioni tecnologiche e costruttive.

Altrettanto rispettoso dei vincoli paesaggistici e storici, l’edificio presenta una nuova facciata, ridisegnata mantenendo gli originari canoni estetici ottocenteschi con un solo dettaglio: i due piani superiori, utili all’allineamento in altezza con gli edifici confinanti, sono racchiusi in una pelle di vetro. “È un elemento che rompe il rigore della facciata ottocentesca e dichiara la contemporaneità dell’intervento, declinandola in tutti gli aspetti progettuali: impianto distributivo interno, caratteristiche costruttive, materiali, standard abitativi, prestazioni energetiche elevate fino alla destinazione d’uso mista”, chiarisce l’architetto Maurizio Condoluci.

La corte con gli occhi

La sorpresa che si prova a Milano aprendo il portone di un edificio storico, non manca nel prestigioso fabbricato di viale Montegrappa, la cui corte è divisa in orizzontale attraverso una copertura calpestabile che separa il piano terra, a destinazione commerciale, dalla zona residenziale che si sviluppa in verticale nei diversi corpi di fabbrica di quattro e sei piani, al di sopra di essa. La continuità fra i due livelli è data da due alberi che “bucano” con due grandi occhi ellittici la copertura sulla quale si affacciano i 25 appartamenti di diversa dimensione e tipologia.
“I corpi di fabbrica, che perimetrano la corte, presentano altezze diverse e ampie zone a terrazzo per aprire il più possibile la vista in orizzontale e verticale, eliminando l’effetto di chiusura dello schema originario. Verso l’interno il passaggio si articola dalla leggerezza alla densità con lo scopo di far percepire ai piani inferiori una spazialità dilatata, contrariamente a quanto avviene verso l’esterno”, spiega l’architetto Luca Aureggi.

I materiali e il verde amplificano le percezioni

Una volta entrati, la contrapposizione dei rivestimenti di legno per le superfici verticali e orizzontali fino al terzo piano e di pietra di Bedonia, dal quarto al sesto, definisce gli spazi e amplifica le percezioni sensoriali. I ballatoi, ripresi dallo schema ottocentesco, non sono più pubblici ma privati (con porta d’accesso) e usufruibili come spazi esterni abitabili, trasformando così le tradizionali case di ringhiera in moderne abitazioni, dove il verde delle terrazze e quello delle zone comuni piantumate, completano la sensazione di comfort visivo e percettivo complessivo.

La casa funzionale

Come nell’esterno e nella parte architettonica, anche gli appartamenti sono curati nei minimi dettagli, con una distribuzione funzionale alla spazialità domestica e materiali e finiture di pregio. In linea con le esigenze sempre più sofisticate, sono inoltre connotati da arredi di design contemporaneo, quali le pareti scorrevoli in vetro (Rimadesio) e le cucine (Boffi) complete di elettrodomestici.

Westway Architects viale Montegrappa Milano 01

Westway Architects viale Montegrappa Milano 02

Westway Architects viale Montegrappa Milano 03

Westway Architects viale Montegrappa Milano 04

Westway Architects viale Montegrappa Milano 05

Westway Architects viale Montegrappa Milano 06

Westway Architects viale Montegrappa Milano 07

Westway Architects viale Montegrappa Milano 08

La continuità fra la corte a desitinazione commerciale e la copertura calpestabile è data da due alberi che “bucano” con due grandi occhi ellittici la copertura sulla quale si affacciano i 25 appartamenti.

Westway Architects viale Montegrappa Milano 10

Westway Architects viale Montegrappa Milano 11

Westway Architects viale Montegrappa Milano 12

Westway Architects viale Montegrappa Milano 13

Westway Architects viale Montegrappa Milano 14

Westway Architects viale Montegrappa Milano 15

I ballatoi, ripresi dallo schema ottocentesco, non sono più pubblici ma privati (con porta d’accesso) e usufruibili come spazi esterni abitabili.

Westway Architects viale Montegrappa Milano 16

Westway Architects viale Montegrappa Milano 17

Westway Architects viale Montegrappa Milano 18

I due piani superiori sono racchiusi in una pelle di vetro, un elemento che rompe il rigore della facciata ottocentesca e dichiara la contemporaneità dell’intervento.

Westway Architects è uno studio di architettura fondato a Roma nel 2005 da Luca Aureggi e Maurizio Condoluci, con sedi a Roma e a Milano. Il nome prende origine dalla volontà di unire le esperienze professionali e di vita acquisite negli Stati Uniti con la cultura della terra di origine.

In 10 anni di attività Westway Architects è diventato uno dei più stimati e completi studi della nuova generazione italiana di progettisti. Lo testimoniano progetti di grande complessità e maestria quali la risistemazione delle cantine e degli edifici industriali del complesso Santa Margherita a Portogruaro, il nuovo palazzo residenziale/commerciale in contesto storico di via Montegrappa a Milano, i negozi Nike, il concept per l’area food di Blomingdale a New York, l’auditorium del Gruppo Caltagirone a Roma, gli uffici di Cementir Holding a Roma e di Italiana Costruzioni a Milano, unitamente a una notevole varietà di interventi nel retail e nell’edilizia residenziale privata.

You Might Also Like

Rispondi