Design Cult

La poltrona Chaise Longue di Le Corbusier: la vera macchina per riposare

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

La poltrona Chaise Longue di Le Corbusier: la vera macchina per riposare è stato modificato: 2015-11-24 di Maria Chiara Paccara

La Chaise Longue nasce nello studio di Le Corbusier durante i primi anni ’20, dalla collaborazione di Le Corbusier e Pierre Janneret con Charlotte Perriand,

è proprio in questo periodo che i tre affrontarono il tema dell’arredamento in chiave innovativa, ottenendo pezzi di arredo dal fascino immortale e senza tempo.

La Chaise Longue è stata presentata a Parigi nel 1929 al “Salon d’Automne des Artistes Décorateurs” ed utilizzata la prima volta nella Villa Church a Ville-d’Avray, Le Corbusier la definiva “la vera macchina per riposare”.

Bella, comoda e funzionale ma non solo, anche rappresentazione del tempo svincolato dal lavoro, macchina perfetta per la rivincita della propria libertà individuale e simbolo del tempo libero in cui leggere, rilassarsi e sognare.

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

Infatti per la prima volta in quel periodo, l’interno di un’ abitazione viene ideato come un sistema di massima efficienza funzionale dove i mobili sono attrezzature di servizio ad alta performance, cioè tutto ciò che prima di allora veniva considerato antiestetico: il funzionale.

La poltrona è un’icona dei tempi che corrono:

Le Corbusier porta l’arredo ad un livello standardizzato, ma sempre mantenendone pregio e qualità, ad esempio sostituisce il legno con l’acciaio, più interessato a trovare il consenso del vasto pubblico della cultura di massa che di una piccola elite.

Ha fiducia nell’industria che con il procedere dei tempi, produce oggetti di funzionalità e utilità perfette, il cui lusso autentico, cioè il godimento dello spirito, emana dall’eleganza della concezione, dalla semplicità dell’esecuzione e dall’efficacia delle prestazioni. Le Corbusier vede nel modo di fare l’industria, nella sua logica e nella sua tecnica, il modello del moderno design.

Ecco quindi la poltrona anche come simbolo e riflessione della sua ideologia:

  • l’arte decorativa moderna non comporta nessun tipo di decorazione;
  • lo standard ;
  • il mobile e l’utensile considerati come membra artificiali;
  • utilizzo della conquiste della tecnica.

DESCRIZIONE TECNICA

La Chaise Longue di Le Corbusier ha un’inclinazione variabile con una struttura in tubo d’acciaio cromato. La base è costruita in lamiera e tubolare di acciaio laccati con vernice nera opaca. Il materassino con imbottitura in espanso è rivestito in pelle. Anche il poggiatesta è in espanso con ivestimento in pelle.

Pelle con pelo (poggiatesta in pelle nera)

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

Pelle (poggiatesta in pelle nera o nello stesso colore del materassino)

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

Il movimento basculante della chaise longue non è regolato da alcun meccanismo ma viene stabilizzato dal peso del corpo e dalla posizione prescelta di chi la usa. 

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

Dimensioni: l. 166 x p. 50 x h. 67|80 cm

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

La poltrona Chaise Longue Le Corbusier Pierre Janneret Charlotte Perriand

You Might Also Like

Rispondi