Design News

Good design, food design – Interior and exterior food landscapes. Showcooking e creatività

locandina pack design meet food gifasp ARCLINEA

Good design, food design – Interior and exterior food landscapes. Showcooking e creatività è stato modificato: 2015-06-16 di Redoffice

L’evento, organizzato da GIFASP in collaborazione con Arclinea e la rivista Interni, si svolgerà lunedì 22 giugno 2015 alle ore 19 presso il Centro Cucine Arclinea di corso Monforte 28 a Milano, in occasione di Expo Milano 2015, all’interno del format “Design meets food – Conversazioni sulla creatività”, promosso dalla rivista Interni.

Si svolgerà il 22 giugno 2015 a Milano uno Showcooking – Talk con al centro una ‘Orange Experience’ che ha come giovani interpreti Fabrizio Sansoni, chef & food designer e Francesca Meana, paper designer, che racconteranno il loro punto di vista sulla coerenza tra contenuto, forma, funzione e consumo. La cultura del cibo, nell’ambito ‘proprio’ del tema principe di Expo Milano 2015, sarà esaminata attraverso un legame inscindibile di grande apertura, capace di costruire un paesaggio domestico sempre unico, che ha l’uomo e il cibo, come nutrimento, protagonisti.

Il paesaggio del cibo è cambiato: “interior and exterior” sono espressione della stessa realtà e la parte esteriore e il suo imballaggio sono tutt’uno con il contenuto. Al centro dell’evento al Centro Cucine Arclinea di corso Monforte 28 a Milano un’Orange Experience cioè l’arancia, “un oggetto quasi perfetto in cui si riscontra l’assoluta coerenza tra forma, funzione e consumo”. Partendo dunque dal concetto di “Good design” di Munari si arriva ad una visione liquida che porta l’attenzione sull’interno/esterno e sull’imballaggio. E’ un evento nel quale le mani diventano il fatto centrale – durante lo speaking ambedue gli oratori lavorano –, quasi un riconnettersi con la tradizione e la profondità del segno, un evento-origami costruito con ritualità e in tempo reale. Il paesaggio del cibo è cambiato: l’era moderna ha creato una serie di ‘accatastamenti’ e incomprensioni che hanno allontanato il cibo dal suo ‘essere’ più vero e profondo. .

Sempre più la cucina deve impiegare sistemi propri di altri ambienti, andare incontro alle diverse culture, spazialità, modalità d’uso. Deve sapere integrare funzioni nuove, raccogliere le sfide della tecnologia. Ogni progetto deve perciò rispondere a criteri differenziati ma anche alle esigenze di sicurezza, di etica e di sostenibilità. Qquesta è l’essenza del dialogo tra Gifasp e Arclinea. Per Arclinea, che nel corso degli ultimi decenni ha cambiato, in modo univoco, il comportamento e la ritualità in cucina, il design non si esprime solamente attraverso forma e funzioni, ma diventa capacità di tradurre gli spazi in luoghi di esperienza, creatività, condivisione. GIFASP dal canto suo è schierato sui valori portanti di Expo 2015: per l’Esposizione Universale di Milano ha pianificato una serie di interventi con il claim: “La cultura della protezione e sostenibilità”.

I protagonisti del talk del 22 giugno 2015

Fabrizio Sansoni

Fabrizio Sansoni, milanese, con un mix di sangue partenopeo, toscano e sardo. Dopo una lunga esperienza sui set dei commercials e divenuto cuoco per passione e viaggiatore per cultura familiare, si è affermato come food designer. Giovanissimo, parte per gli Stati Uniti, dove vive e lavora per 4 anni e mezzo ed impara a cucinare in modo professionale a San Francisco; parallelamente, mantiene un legame con la cucina intesa come laboratorio, riprogettando o studiando specifici menu. L’ultimo pezzo del puzzle: segue in Puglia una piccola e preziosa produzione di olio.

Francesca Meana

Francesca Meana, milanese, ama definirsi paper designer perchè con la carta puó occuparsi di allestimenti packaging e creare racconti; crede dunque che sia il miglior supporto e materiale per raccontare una storia non solo stampandola ma anche costruendola. In realtà ha studiato design d’interni al Politecnico di Milano e marketing in un corso in Bocconi. Il packaging fa parte della sua vita: l’azienda di famiglia, per cui lei collabora all’immagine coordinata, produce scatole da 135 anni. Fa parte del Comitato Esecutivo Gifasp.

GIFASP

Associazione schierata sui valori portanti di Expo 2015. Il Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli opera, fin dal 1960, come Gruppo di specializzazione all’interno di Assografici. GIFASP segue inoltre strettamente l’attività di Comieco (Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosa), influenza le scelte dell’ECMA (European Carton Makers Association), condividendone le linee strategiche e collabora con Pro Carton nell’ottica di promozione dell’immagine del packaging cartotecnico. Per l’Esposizione Universale di Milano ha pianificato una serie di interventi con il claim: “La cultura della protezione e sostenibilità”.

ARCLINEA

L’azienda nasce a Caldogno, in Veneto, nel 1925. Il fondatore, Silvio Fortuna Senior, riprende l’attività iniziata dal bisnonno nel 1816: un laboratorio artigiano specializzato nella lavorazione del legno, con la vocazione per la qualità. Nel 1960 l’azienda diventa “Arclinea Cucine Componibili”, dove Arc è acronimo di Arredamento Razionale Componibile. Arclinea abbandona la dimensione artigiana, dedicando tutta l’energia produttiva ai mobili da cucina, assumendo un posizionamento preciso nel settore e diventando poi marchio prestigioso, con punti vendita specializzati in tutto il mondo.

“Good design, food design”, 22 giugno 2015, Ore 19. Arclinea Centro Cucine, Corso Monforte, 28 Milano

Per informazioni: press@wowoffice.it

You Might Also Like

Rispondi