Design News

Google presenta ufficialmente la Google Car, la prima auto che si guida da sola

1419334931 google-self-driving-car-600x335

Google presenta ufficialmente la Google Car, la prima auto che si guida da sola è stato modificato: 2015-01-08 di virgilio conti

Google ce l’ha fatta: ha completato e presentato ufficialmente (nessun grande evento, solo un post sulla pagina di Google Plus) il prototipo della sua vettura autonoma, che viene definita “the best holiday gift we could’ve imagined” (il miglior regalo per le feste che avremmo potuto immaginare).

Il software engineer Sebastian Thrun nel blog aziendale ha aggiunto: “Siamo sempre stati ottimisti sulla possibilità di far avanzare la società attraverso la tecnologia, ecco perché abbiamo spinto così tanto sull’auto autonoma”.

Google-car--socialdesignmagazine01

La Google Car combina parti comuni a tutte le auto (freni, acceleratore, luci) con una sofisticata dotazione hardware-software che include videocamere, sensori radar e mappe dettagliate per muoversi sulle strade.

Se ne è già discusso tanto, e Google non è nemmeno l’unica azienda che crede nell’auto che viaggia da sola. Ora la priorità è la sicurezza: studi dell’Oms rivelano che ogni anno oltre 1,2 milioni di persone perdono la vita per incidenti stradali. Così Google sta prendendo molto sul serio la questione, testando l’auto per le strade della California, che ha dato l’ok per le prove. Poi capiremo se il veicolo di Mountain View potrà davvero entrare in attività e scarrozzarci senza rischi.

Google-car--socialdesignmagazine03

Google testerà la nuova creatura, portando il prototipo su un tracciato di prova: poi sarà la volta delle strade pubbliche della California del Nord, dove la Google Car si affiancherà alle Toyota Prius e alle Lexus già utilizzate in base ai permessi rilasciati dal Golden State (25 a Mountain View, due a Mercedes-Benz e altrettanti ad Audi). “I nostri conducenti continueranno a supervisionare il veicolo, utilizzando i controlli manuali quando necessario”, spiegano i tecnici. Ma il volante, almeno per Big G, continua ad avere i giorni contati.

You Might Also Like

Rispondi