Interview

Vito Nesta ci parla della design week 2017 e delle sue creazioni esposte

Vito Nesta, Botanica wallpaper per Devon & Devon
Botanica wallpaper per Devon & Devon
Vito Nesta ci parla della design week 2017 e delle sue creazioni esposte è stato modificato: 2017-06-20 di Benedetto Fiori

Vito Nesta è uno dei designer emergenti che seguiamo in maniera più attenta, abbiamo scritto spesso dei suoi oggetti e lo scorso anno siamo andati ad incontrarlo, vi invitiamo ad andare a vedere l’intervista dove ci parla del suo incontro con il design e di storie ed emozioni, che hanno poi scaturito dei prodotti.

A circa due mesi dalla chiusura del Salone del Mobile 2017 lo abbiamo contattato per ripercorrere la design week e per conoscere le creazioni, frutto di collaborazioni con diverse aziende, esposte per l’occasione.

SDM: Come ti è sembrata quest’anno la design week nel suo complesso, hai notato qualcosa di cambiato o di nuovo?

Vito Nesta: Quest’anno secondo me c’erano molti progetti interessanti al fuorisalone piuttosto che in fiera.
Ho notato un modo diverso di fare fiera, il pubblico è più attratto dall’allure che un progetto ha attorno e molto spesso in fiera questo non c’è. Al fuorisalone invece hanno sempre più seguito le Gallerie, gli spazi insoliti che riprendono vita per quest’occasione, insomma c’è più possibilità di conferire ad un progetto un’atmosfera, un’emozione.

SDM: Durante la settimana del salone si ha sempre la sensazione di essere nel posto sbagliato nel momento sbagliato e di perdere qualcosa di importante, ci sono stati oggetti che ti ritieni fortunato di aver visto oppure che ti è dispiaciuto non poter vedere?

Vito Nesta: Durante il salone si è travolti da una moltitudine di immagini e di progetti, molto spesso è davvero difficile riuscire dare al progetto che si sta vedendo la giusta attenzione. Io ho smesso di essere bulimico e cercar di vedere quanto più possibile, giro ed osservo, se qualcosa me la perdo la ritroverò poi sulle riviste.

SDM: Ci accennavi che hai presentato circa 40 progetti, in quali ambiti spaziano queste tue creazioni, c’è un filo conduttore che le accomuna?

Vito Nesta: I progetti realizzati spaziano dalle carte da parati per Devon & Devon e Roche Bobois alle porcellane di Capodimonte per Fratelli Majello, dai tappeti per Les-Ottomans agli specchi per Secondome Edizioni con Effetto Vetro.
Tutti accomunati da produzioni artigianali e dalla decorazione.

SDM: Quale dei nuovi progetti ti rappresenta di più?

Vito Nesta: Tutti i progetti mi rappresentano perché ognuno di loro, una volta nato è come un figlio.
Alcuni mi hanno dato più o meno soddisfazione ma tutti mi appartengono.

SDM: Ora lavori e vivi a Milano, ma hai studiato a Firenze, c’è qualcosa che ti porti dietro di questa città?

Vito Nesta: Firenze è una città che amo tanto, li ho vissuto gli anni più spensierati della mia giovinezza e ci ritorno sempre con molta gioia. Da Firenze porto le prime esperienze a contatto con gli artigiani, questo poi è diventato una caratteristica del mio lavoro.

SDM: Cos’è cambiato nel tuo lavoro nell’ultimo anno?

Vito Nesta: Nel mio lavoro sento che la decorazione mi appartiene molto come forma di linguaggio ed inoltre mi interessa maggiormente lavorare con il mondo del collezionismo.

SDM: Ci ha colpito molto il tuo progetto dei putti capodimonte, un gesto semplice e di grande effetto, spiazzante. Anche se non è tra le novità del salone 2017 ci puoi dire qualcosa di più sulla genesi di questa idea?

Vito Nesta: I Putti sono un progetto a cui tengo molto. Conobbi la fabbrica Majello nel 2015 e a fine 2016 Valentina Guidi Ottobri di Luisa Via Roma mi chiede un pezzo in ceramica per la mostra Brilliant Ceramics. Chiesi a Majello se potevamo reinterpretare un pezzo della loro collezione storica e si sono dimostrati molto entusiasti.

Lavorare sul quel pezzo che aveva più di un secolo di storia è stata una vera emozione, quei putti avevano solo bisogno di essere riportati alla luce con una veste contemporanea. Togliendo tutta la dipintura e le ghirlande di fiori, piuttosto ridondanti e i tamburelli che erano tra le mani degli angioletti ed inserendo al posto di queste dei pesci, colorandolo infine con pennellate casuali di color verde acqua con accenti oro ne è uscito un pezzo strepitoso.

SDM: Per il futuro su quali progetti stai lavorando?

Vito Nesta: Per il futuro sto lavorando su collezioni di complementi d’arredo quali servizi di piatti e oggetti per la tavola e pezzi di art design per Gallerie.

SDM: Una tipologia di oggetti sulla quale non hai ancora lavorato ma ti piacerebbe affrontare?

Vito Nesta: Mi piacerebbe molto lavorare su prodotti per la tavola in vetro di Murano.

Vito Nesta, Risvolti mirror

Risvolti mirror per Secondome Edizioni con Effetto Vetro

Vito Nesta, Via Delle Seta wallpaper

Via Delle Seta wallpaper per Texturae

Vito Nesta, foresta tropicale wallpaper

Foresta tropicale wallpaper per Roche Bobois

Vito Nesta, la mano

Anatomica collection per My home collection, la mano

Vito Nesta, Esotica collection pesce

Esotica collection per Fratelli Majello, pesce

Vito nesta, Esotica collection pappagallo

Esotica collection per Fratelli Majello, pappagallo

Vito Nesta, Turquerie singe rug

Turquerie singe rug per Les-Ottomans

Vito Nesta, turquerie paon rug

Turquerie paon rug per Les-Ottomans

www.vitonesta.com

You Might Also Like

Rispondi