Salone del Mobile 2015

La mostra The Alchemists alla Milano Design Week 2015

L W Fools Gold 2

La mostra The Alchemists alla Milano Design Week 2015 è stato modificato: 2016-06-06 di Benedetto Fiori

Si è svolta durante la Design Week milanese alla Triennale la mostra The Alchemists.

15 nuovi talenti da Singapore esplorano la magia del design attraverso lo specchio di una nuova alchimia: una selezione di strumenti e oggetti ispirati dal processo alchemico di trasformazione di materiali quali il piombo in oro.

Il titolo della mostra “The Alchemists” è un’esplicito cenno al movimento italiano degli anni ’70 Studio Alchimia, all’interno del quale i pezzi di design sperimentale si esplicano in un linguaggio formale e creativo che ha sfidato lo status quo. Fu un movimento di design radicale che ampliò i confini del design e cambiò lo scenario di progettazione globale per il futuro.

Il titolo ha anche lo scopo di trasmettere un elemento apparentemente magico, o un ruolo, che esiste nell’atto di disegnare o di creare. L’alchimista d’altri tempi dedicò la sua vita alla trasformazione dei materiali, dall’ordinario al prezioso, più comunemente dal metallo all’oro.

Il punto di partenza per il progetto “The Alchemists” fu “il designer come alchimista: che cosa può essere progettato applicando il processo di trasformazione?” “The Alchemists” è curato dallo scrittore, editore e designer italiano Stefano Casciani e co-curata dal designer Patrick Chia che è anche il direttore fondatore del Singapore’s Design Incubation Centre.

Una nuova generazione di designer di Singapore ha intrapreso una ricerca creativa attraverso il design sul linguaggio, le mitologie, e le filosofie di trasformazione della materia. “Diversi materiali e tecniche sono state esplorate, dalla sinterizzazione al laser del nylon alla resina colata, dalla colorazione della ceramica alla stampa di tessuti acrilici. L’intento della mostra non è tuttavia solo quello di mostrare sorprendenti tecnologie di produzione, ma anche quello di sviluppare un atteggiamento più contemporaneo nella progettazione nel contesto globale”, ha dichiarato Casciani, curatore itlaliano della mostra.

“Selezionando designer che variano per età ed esperienza, la mostra offre una riflessione sullo stato attuale del design dalla prospettiva di Singapore. E, cosa ancora più importante, questo progetto spera di servire come punto di partenza per un maggiore dialogo e una maggiore collaborazione tra questo gruppo di progettisti e per le future generazioni di designer”, commenta Chia.
La mostra “The Alchemists” è il risultato di una serie di lecture e workshop. I prototipi di design saranno esposti per 6 giorni alla Triennale di Milano. Il progetto è organizzato da Industry+ con il supporto del DesignSingapore Council.

Fools’ Gold

Lanzavecchia + Wai

Contenitori, base 43,5 x 43,5 h 180 cm; base 120 x 36, h 65 cm
Pellicola vinilica cromata per car wrapping, acciaio ondulato zincato, struttura in acciaio dolce verniciato a polvere.

L W Fools Gold 1

Ispirandosi ai laminati utilizzati dallo Studio Alchimia tra gli anni 70 e 80, Lanzavecchia + Wai utilizzano un involucro cromato nei toni oro e viola, applicato a contenitori semplici costituiti da lamiere di acciaio ondulato.
Aumenta così la percezione del valore dell’oggetto, rivelandone al contempo l’umile materia d’origine: l’ondulazione non solo dà resistenza strutturale alla lamiera, ma massimizza anche la superficie per l’applicazione del car wrapping, vinile metallizzato che può essere stampato, tagliato e texturizzato a laser: il concetto si può assimilare al car tuning, la tecnica con cui si rivestono carrozzerie d’auto con fasce di vinile colorato texturizzato, personalizzabili secondo le fantasie del proprietario, dando vita ad oggetti/scultura dalle suggestioni Pop.

Fool’s Gold (l’oro dello sciocco) è il nome popolare inglese della pirite, un minerale dai riflessi dorati ma anche una delle materie di base preferite da alcuni alchimisti per tentare la creazione dell’oro.

Pour

Hans Tan

Tavolino, base 50 x 50, h 60 cm resina, fibra di vetro, ABS, acciaio verniciato a polvere

HansTan Pour1

In questo caso, il piano del tavolo è realizzato all’inverso tramite colatura della resina che forma la superficie del piano stesso. Forma e dimensione delle diverse “pozze” di colore sono il risultato della gravità e della tensione della resina, di cui ogni colata
viene realizzata singolarmente, senza utilizzare nessuno stampo.

Il tempo di indurimento della resina stratificata viene controllato con precisione, in modo da non mescolare una macchia di colore con quella adiacente e dare al top la composizione multicolore, del tutto innovativa per le infinite possibilità di variazioni formali e accostamenti cromatici.

HansTan Pour2

HansTan Pour3

HansTan Pour4

MATr

Jolene Ng & Lee Si Min

Elementi multifunzionali, base 20,1 x 20,1, h 22 cm
Nylon sinterizzato al laser

MATr SetA 5

La serie MATr nasce da lunghi studi per l’ottimizzazione creativa delle tecniche di stampaggio 3D. Partendo da trame strutturali realizzabili solo con queste tecniche, si ottiene una serie di quattro elementi funzionali realizzati in un solo ciclo produttivo: un canestro, una ciotola, un vaso e un paralume.

La sinterizzazione al laser consente la creazione di forme estremamente libere, ma la stessa libertà di spingere all’estremo i limiti degli oggetti così prodotti porta a realizzare forme troppo fragili per sopravvivere al processo di stampa e alla successiva
estrazione dalla stampante.

MATr ridefinisce le strutture di supporto che rendono possibili queste forme facen-dole diventare a loro volta prodotti a sé stanti, che insieme danno vita a un “oggetto dentro l’oggetto”: una delle tecnologie oggi più avanzate di stampaggio evoca così anche la memoria di certi oggetti decorativi della tradizione artigiana orientale, articolati in più livelli ricavati da un unico blocco di materiale di partenza.

MATr SetA 1

MATr SetA 2

MATr SetA 3

MATr SetA 4

MATr SetA 6

MATr SetA 7

Instruments of Beauty (Divine Tools)

Olivia Lee

Set di 9 strumenti di varie dimensioni Acciaio inox placcato oro, ottone, acrilico, vetro specchiato, frassino, carta

InstrumentsOfBeauty1

“Instruments of Beauty: Divine Tools” è una collezione di raffinati strumenti da disegno in grado di personificare la tensione umana verso la bellezza e i modelli di significato nel mondo. Proprio come l’alchimista perseguì l’illuminazione attraverso la ricerca dell’immortalità, gli antichi greci ricercavano il divino nella correlazione tra matematica, scienze e arti. Essi credevano che la divinità potesse essere trovata nella sezione aurea, una relazione geometrica antica quanto la spirale della conchiglia Nautilus e propagato da sempre in manufatti iconici.

Questo set di accessori che seguono la sezione aurea rappresenta la convergenza di discipline (matematica, ingegneria, arte) e ideali (spiritualità, tecnologia) e la promessa di eternità attraverso la bellezza perenne e universale. Questi strumenti invocano la forza misteriosa che codifica un universo con un innato senso delle proporzioni. I nove strumenti applicano i principi della sezione aurea attraverso diversi formati e funzioni, ogni strumento è progettato per facilitare l’uso e la scoperta della proporzione divina in lavori nuovi o già esistenti.

InstrumentsOfBeauty2

InstrumentsOfBeauty3

InstrumentsOfBeauty4

InstrumentsOfBeauty5

Textile Transmutations

Tiffany Loy

Invenzione tessile/ Abiti scultura, 75 x 95 x 2,5 cm
Acrilico

TextileTransmutations 1

“Textile Transmutations” è la creazione di forme tessili tridimensionali. Il progetto utilizza una tecnica di regolazione del calore e lo modifica per soddisfare produzioni di piccola scala. Stampi acrilici vengono progettati per aumentare la forma di tessuto di poliestere, ottenendo una trama ricco che scorre in tutto il materiale.

I tessuti 3D vengono tagliati seguendo l’andamento di pattern circolari, composti da “pois” tridimensionali che si ripetono con andamento concentrico, dando forza strut-turale e resistenza alle sollecitazioni a sagome modellate sulle dimensioni del corpo.

Le forme così ottenute possono essere indossate come “abiti” di forte valore gestuale e simbolico, che enfatizzano la presenza della figura umana – spesso trascurata – nello scenario generale dell’abitare e degli oggetti ad esso necessari.

TextileTransmutations 2

TextileTransmutations 3

TextileTransmutations 7

TextileTransmutations 8 TextileTransmutations 9

TextileTransmutations 10

TextileTransmutations 11

Maggiori informazioni su: www.alchemists.sg

You Might Also Like

Rispondi