Design

Fabio Novembre + Sammontana: Design Con-Gelato

fabio novembre sammontana icedream
Fabio Novembre + Sammontana: Design Con-Gelato è stato modificato: 2019-04-11 di Benedetto Fiori

Nell’affascinante cornice dell’Hotel Magna Pars nel cuore di zona Tortona all’interno di un allestimento immersivo curato dallo stesso Novembre, un un ambiente spiaggia iconico e ricco di colore, Sammontana presenta per la prima volta una serie di arredi progettati dal noto architetto e designer Fabio Novembre e frutto di un innovativo processo di stampa 3D che utilizza Bio plastica, plastica riciclata e riciclabile.

La collezione d’arredi è infatti immaginata per il mondo outdoor: bar e stabilimenti balneari all’italiana, luoghi che hanno a che fare con l’energia vibrante e positiva del periodo estivo, delle vacanze attese tutto l’anno, delle dolci pause gelato che caratterizzano i momenti più piacevoli della giornata.

Le sedute, le sedie a dondolo e i tavolini, in un vivace colore giallo e nella versione trasparente, devono la propria forma al concetto di vortice, quello dell’acqua o della coppa gelato: anelli concentrici che costruiscono geometrie e linee, e che suggeriscono una continua tensione verso il futuro, verso una idea di concepire gli oggetti che debba tenere necessariamente conto del loro impatto ambientale di oggi e di domani.

Siamo molto orgogliosi di questa collaborazione con Fabio Novembre – eccellente interprete di tendenze con una visione allargata del design che, nella sua filosofia, arriva a contaminare ambiti e discipline diverse”. Ha dichiarato Sibilla Bagnoli, responsabile Comunicazione e Immagine di Sammontana Italia e continua: “Il suo design è ironico proprio come il marchio Sammontana e la sua progettazione visionaria e stupefacente. La collezione che ha disegnato per noi, ci colloca al centro del vortice da lui stesso progettato dove uomo e ambiente sono i protagonisti. Ed è lo stesso vortice ad avere ispirato i complementi d’arredo realizzati in bio plastica e plastica riciclata riciclabile. Essere presenti alla Design Week, la più importante vetrina internazionale dedicata al progetto e all’immaginazione, con uno dei più principali esponenti del design italiano, significa per Sammontana la consapevolezza e il riconoscimento di essere uno degli attori del Made in Italy e della sostenibilità”.

La nuova collezione di arredo Sammontana, dall’alto valore tecnologico e di grande durabilità, è realizzata con uno dei sistemi di produzione più innovativi nel panorama del design mondiale.

Gli oggetti verranno stampati 3D in Bio plastica e plastica riciclata da WASP, azienda leader nel settore della stampa 3D, eccellenza Made in Italy con un obiettivo importante alla base della propria attività: ridurre gli sprechi di materiale, in un orizzonte di benessere condiviso. Valori vicini a quelli Sammontana, che da diversi anni è impegnata in un percorso di miglioramento continuo dei propri processi aziendali, per una riduzione dell’impatto ambientale a vari livelli, che comincia dalla misurazione e compensazione dell’impatto della CO2eq dei suoi prodotti per approdare alla scelta delle più avanzate soluzioni di packaging. Si impegna inoltre nell’utilizzo sempre più efficiente dell’acqua e dell’energia, nella selezione accurata delle materie prime e nella gestione innovativa dei rifiuti e della logistica.

In questo contesto, si inserisce dunque una iniziativa che intende sensibilizzare il pubblico sugli urgenti temi legati alla cultura del riciclo, ai possibili comportamenti sostenibili e a progetti realmente innovativi, come commenta anche Fabio Novembre: “Goethe era solito dire che l’architettura è musica congelata. Con Sammontana ci siamo permessi di estendere il ragionamento anche al design con Ice Dream, una collezione di arredi allo stesso tempo riciclata e riciclabile.”

Dopo la Design Week, gli arredi saranno protagonisti di ulteriori iniziative itineranti lungo tutta la Penisola, in programma durante l’estate e sostenute da Sammontana, sempre in un’ottica di attenzione e rispetto per l’ambiente.

Photo Credit: Benedetto Fiori

You Might Also Like

Rispondi