Aldo RossiAldo Rossi

Aldo Rossi è stato il primo architetto italiano a vincere il premio pritzker. Questo premio viene assegnato annualmente e premia un architetto vivente per omaggiarlo delle sue opere in quanto in esse si ritrovano una combinazione di visione, impegno e talento.

Oltre ad essersi dedicato all’architettura, Aldo Rossi su richiesta realizzava opere di design industriale su commissione di medie o grandi aziende. Il suo credo, la sua filosofia progettuale portava a definirlo come un drammaturgo dell’astrazione, che ha saputo progettare e creare alcune delle opere di design più intensamente poetiche della sua epoca.

Le sue opere rispecchiano un linguaggio rigoroso fatto di forme primarie e di geometrie. Oltre ad essere ricordato come un grande architetto, va ricordato anche come un grande maestro di design realizzando diversi oggetti di uso domestico. Approdò nel mondo del design intorno agli anni ottanta e tutta la sua attività di design ha come impronta la sua pratica e teoria architettonica; infatti, i suoi oggetti possono essere considerate delle piccole opere architettoniche in miniatura.

Oggetti di design

Tra le opere di design industriale che l’architetto Aldo Rossi ha realizzato ne ricordiamo alcune; ad esempio, nel 1983 per l’aziendia Molteni realizzò la cosiddetta Teatro. Sempre per il gruppo Molteni ricordiamo la sedia Milano (1987), la poltrona Parigi nel 1989, la libreria “Cartesio” ed il tavolo “Consiglio”.

Realizzò opere anche per l’azienda Alessi; esse furono la caffettiera, chiamata “La Conica”, nel 1984, il bollitore “Il Conico”, la caffettiera “La Cupola” ed infine l’orologio “Momento”.